Come tenere la casa al caldo d’inverno

L’importanza di isolare per combattere il clima rigido

La casa è l’ambiente accogliente dove rifugiarsi quando il mondo diventa ostile, anche a livello climatico. D’inverno, infatti, le persone tendono ad uscire di meno, rifugiandosi tra le proprie quattro mura in attesa che la primavera, con i primi caldi, sbocci, permettendo loro di uscire più liberamente. Non sempre, però, la propria abitazione è un caldo ovile a cui tornare.
In molti fabbricati degli anni ’70/’80, quando la quantità contava molto di più della qualità, violenti spifferi penetrano nella notte, mentre i muri paiono dei cubetti di ghiaccio e non contribuiscono in alcun modo a trattenere calore. Questo succede, principalmente, perché i muri sono costruiti in materiali dalla scarsa capacità isolante e senza la struttura necessaria per trattenere il calore.
In termini semplici, alcuni appartamenti sono soltanto dei gusci vuoti, privi di qualsiasi capacità di adempire al proprio compito.

In inverno, le basse temperature e la rigidità dei climi, oltre all’umidità, rendono le nostre case veramente fredde. Spesso, infatti, nonostante i termosifoni accesi, il camino o le stufe, le stanze non riescono a guadagnare abbastanza calore per poter essere definite accoglienti. Esistono, però, dei modi molto interessanti per riuscire a raggiungere l’obiettivo in modo veloce e senza sprechi. Con l’arrivo della stagione fredda, accendere il riscaldamento è d’obbligo per riuscire a vivere serenamente nella propria dimora. Esistono alcune strategie che permettono di riscaldare la casa velocemente, ma spesso pareti, finestre, porte, soffitti o pavimenti non riescono ad evitare la fastidiosa dispersione del calore. Quindi, questo porta a non poter godere al massimo del tepore casalingo, incidendo in maniera negativa sulla bolletta mensile a causa degli inutili sprechi d’energia.

L’innovativa tecnologia di isolacasa per mantenere calda la vostra abitazione

Il soffitto, nella maggior parte dei casi, è il vero punto debole della vostra abitazione. La parte più alta della nostra abitazione, infatti, soffre spesso di difetti strutturali o errori di progettazione. Infatti, è proprio da questa parte che soffiano la maggior parte degli spifferi, i quali contribuiscono a raffreddare in maniera decisiva tutti gli ambienti di casa.
Per questo tipo di problema, però, sono state studiate diverse diverse soluzioni da parte di esperti nel settore dell’edilizia per rendere, finalmente, la propria abitazione un ambiente accogliente dove vivere.
Grazie alla nuova tecnologia che produce la fibra di cellulosa, infatti, con i giusti accorgimenti la vostra casa potrà guadagnare sino a cinque gradi centigradi di temperatura con la sola installazione di uno strato isolante da 20 o da 40 centimetri.
Il vantaggio di questo tipo di interventi è la riqualificazione energetica che la vostra abitazione potrebbe ottenere. Infatti, questo è uno dei fattori fondamentali quando si va a calcolare la classe energetica dello stabile, ed un alto piazzamento in questa graduatoria significa aumentare in maniera consistente il valore della stessa grazie al netto risparmio che si avrà, successivamente, nelle bollette.

I professionisti della ditta Isolacasa sono dei veri maestri in questo tipo di intervento. La creazione, infatti, di isolamenti del sottotetto è uno dei cavalli di battaglia di questa ditta con sede a Chiampo, ma che opera in tutto il Veneto, nel Friuli e nel Trentino. Una realtà, dunque, nazionale, che punta a rendere calde e confortevoli le vostre abitazioni grazie alla storica collaborazione con l’azienda Thermofloc, tra i migliori produttori di fibra di cellulosa in Italia.
Questo tipo di materiale si presta perfettamente sia per essere applicato come un pratico controsoffitto, sia per essere reso una superficie calpestabile nel caso la mansarda sia adibita a ripostiglio. In questo modo, a discapito di qualche centimetro d’altezza, la vostra casa potrà godere di un confort e di una vivibilità al di sopra della media del nostro paese.
Isolacasa, oltre a tecnologie all’avanguardia e materiali di prima qualità, è anche un baluardo per quanto riguarda le tempistiche d’installazione. Infatti, l’intervento per rendere il vostro antro un caldo nido a cui far ritorno sono anche detraibili fiscalmente, sino al 65%.

Trucchi da abbinare ad una casa isolata termicamente

  • Programmare l’accensione dei termosifoni e regolarne la corretta temperatura.
    I caloriferi dotati di valvole termostatiche permetteranno un considerevole risparmio energetico. Infatti, con questa tecnologia, la distribuzione di calore si interrompe automaticamente non appena la stanza raggiungerà la temperatura precedentemente stabilita. Chi possiede abitazioni, invece, con riscaldamento autonomo, potrà programmarlo trenta minuti prima del risveglio, per assicurarsi il giusto tepore per iniziare al meglio la propria giornata.
    E’ importante mantenere le temperature tra i 18°C e i 20°C, assicurandosi di posizionare un umidificatore su ogni calorifero della casa.
  • Sostituire infissi e porte danneggiate.
    Un efficiente isolamento termico è funzionale quando vengono sostituite anche porte ed infissi vecchi o danneggiati. Inoltre, munirsi di doppi vetri assicura un risparmio in bolletta di circa il 20%, evitando, inoltre, la dispersione di calore.
  • Abbassare le tapparelle la sera
    Quando il sole tramonta, è preferibile abbassare le tapparelle e chiudere le tende, in modo tale da conservare il calore casalingo. Le abitazioni site in zone umide, invece, potrebbero munirsi di tende esterne impermeabili utili per schermare freddo ed umidità. In vista dell’arrivo del freddo, è necessario correre ai ripari e non basta solo scegliere il giusto generatore di calore. E’ importante, soprattutto, riuscire a riscaldare la propria casa in maniera sostenibile e con bollette più leggere.

Condividi

Share on facebook
Facebook
Share on google
Google+
Share on twitter
Twitter
Share on linkedin
LinkedIn

Condividi

Share on facebook
Share on google
Share on twitter
Share on linkedin
Share on whatsapp

Come isolare un intercapedine

L’intercapedine, detto anche muro a cassetta, è definito come lo spazio vuoto che esiste tra la tamponatura esterna e quella interna dei muri perimetrali di

Chiudi il menu